ma…

nonostante ciò, a lui piace proprio

“Porta avanti le nostre idee – commenta il Cavaliere – e se dovesse vincere le primarie si verificherà un miracolo: il Pd diventerà finalmente un partito socialdemocratico”

Anche no, eh?

Annunci

Io posso accettare…

Io posso accettare, amore mio di un tempo, che i tuoi morbidi capelli castani non siano più castani.
E anche che siano radi.

Ma il riporto, no.
Quello proprio non posso.

Digressione


Promoter della Wodafone, che mi assali alla barriera casse: "lei che gestore telefonico ah?" (Buongiorno, mi scusi… prego, si figuri!) e fai una smorfia schifata se, nonostante i surgelati nel carrello, ti rispondo e ti rispondo: "Tim…", quando mi chiedi, con estrema arroganza, amplificando l'espressione schifata, quanto spendo di traffico telefonico, non ti stupire se la risposta, altrettanto arrogante, è: "sono stracazzi miei".

E vado a mettere in salvo i surgelati.
 


Dice: "Non abbiamo messo le mani nelle tasche degli italiani".
La sensazione, infatti, è più quella di aver qualcosa nel culo.
 

Salve, sono Cesare Ragazzi…

Andrea Tomat, presidente di Confindustria Veneto, si è messo in testa un’idea meravigliosa.

Anche i lavoratori possono fare la loro parte nel riportare l’Italia in pareggio di bilancio, “regalando 5 giorni lavorativi all’anno per un periodo limitato, diciamo 5 anni”.

Da regalare a chi?
Ma all'azienda per cui lavorano, che domande…

… i giorni di ferie – sottolinea – da 25 potrebbero passare a 20 con sacrificio: non se ne accorgerebbe nessuno’…

Lui no di certo…

Quanto alla parte che potrebbero fare le imprese per contribuire alla riduzione del deficit, il presidente degli industriali veneti taglia corto: ‘le aziende pagano gia’ il 60% di imposte’

Salve, sono Cesare Ragazzi, un uomo con in testa un'idea meravigliosa…
 

La suora e Wile Coyote

Ho implorato un amico della redazione economica di spiegarmi che cosa sta succedendo. «Hai presente Wile Coyote sull’orlo del precipizio, quando si aggrappa a una roccia che fra un attimo si sgretolerà? Ecco, Wile Coyote siamo noi».
Non ho avuto il coraggio di chiedergli chi è Beep Beep. Mi sono invece tuffato fra le agenzie di stampa, alla ricerca di qualcuno che mi rassicurasse sulla solidità della roccia.
1. L’ufficio banalità della Casa Bianca: «I mercati salgono e scendono».
2. L’euro-banchiere Trichet, quello col carisma di una gelatina alla frutta: «In Europa non c’è la decrescita, ma la decelerazione della crescita».
3. Il presidente del Consiglio, in conferenza stampa: «Le azioni Mediaset sono solide, se avessi dei risparmi li investirei lì».
4. Il presidente di un ente pubblico (il governo) invita i suoi associati (gli italiani) a comprare azioni di un’azienda privata di sua proprietà (mi scuso per la ripetizione, ma è come con l’ipnosi: la prima volta uno non riesce a crederci).
5. Il ministro della Chiarezza, Sacconi: «Di fronte a una giornata di tempesta dei mercati finanziari e mobiliari, l’Italia nella sua convergente dimensione istituzionale, economica e sociale vuole rispondere all’instabilità globale accompagnando il percorso di disciplina di bilancio già delineato con la maggiore crescita».
6. La vicepresidente della Compagnia di San Paolo, suor Giuliana: «A questo punto non ci resta che pregare».

L’unica ad avere una strategia mi sembra suor Giuliana.

(Massimo Gramellini)


Da questo preciso momento non sono più in ferie.
Sole, puoi ricominciare a splendere.
Orcoporco!

 

Voci precedenti più vecchie