Vita in comune #001

Scusi, è questo l’ufficio dove devo firmare per essere lasciato morire in pace?

Comunicazione importante

La circolare INPS 115/2011 istituisce la “Banca dati per l’occupazione dei giovani genitori”, finalizzata a consentire l’erogazione di un incentivo di € 5.000 in favore delle imprese private e delle società cooperative che provvedano ad assumere a tempo indeterminato le persone iscritte alla banca dati stessa.

I contenuti nel link, una spiegazione terrena qui.
 

C.V.D.

Qui, al solito, si aderisce.

(Mi verrebbe da dire "oggi più che mai").

Voi che fate?
 

firmate….

qui

clicca qui per tornare alla homepage

(via Mauro)

Appello per il diritto alla libertà di cura

Qui potete trovare (e firmare) l'appello.

 


Guarda il labiale:

AV-VI-SA-MI QUAN-DO FRIG-GI,
che chiudo la finestra della camera, O-R-C-O…!

 

E' una porcata: vogliamo fare qualcosa?

Ne hanno scritto, molto bene, Juan Carlos De Martin sulla Stampa e Federico Mello sul Fatto. Poi sui giornali di carta non ho visto molto altro: ma potrebbe essermi sfuggito, perché sono stato via una settimana.

Comunque quello che stanno per fare all’Agcom è una porcheria di cui forse dovremmo occuparci tutti. Di destra, di centro, di sinistra, di qualsiasi parte.

Ricapitolando, brevemente: in Italia un organo non giudiziario avrà il diritto di eliminare, senza un processo, i contenuti Internet che ritiene violino il copyright di qualcuno. Il che significa che la libertà della Rete viene affidata a un arbitrio.

Lo spiega bene il giurista Guido Scorza. Leggetelo tutto, il suo pezzo, e vi fate un’idea di quello che sta succedendo. Qui il post di Zambardino sul ‘libro bianco’ e mi scuso per il ritardo nel link. Qui la pagina in merito di Valigia Blu. Qui un buon pezzo di Punto informatico: «Viene da chiedersi come qualunque cittadino della Rete possa assistere senza far niente a questa devastazione dei suoi diritti», scrive tra l’altro Marco Calamari.

In questa intervista, Luca Nicotra spiega come Corrado Calabrò (Agcom, appunto) abbia escluso ogni mediazione: si vede che qualcuno gli soffia sulle spalle parecchio.

Lo so, lo so: gridare alla censura rischia di sembrare sempre un po’ naïf, già in passato ci hanno provato ma alla fine si sono tirati indietro, poi si spera sempre che la norma rimanga sulla crta e che l’Agcom non rompa alle scatole a nessuno.

Resta, tuttavia, una porcata. E resta il fatto che un’autorità amministrativa diventa il giudice unico del web italiano.

Insomma, lo ripeto: qui è il caso davvero di fare qualcosa tutti insieme. Chi sta con il Pd e chi con Grillo, chi con Vendola e chi con Di Pietro, ma anche oltre, molto oltre se possibile. Del resto basta stare con la libertà per impegnarsi in questa cosa.

Intanto segnalo due delle petizioni che ho visto on line, quella di Avaaz e quella di Agorà Digitale e altri.

Ma credo che il ‘clicktivism’ in questo caso davvero non basti. Servono idee, proposte, gente che rompa le scatole. Serve che i partiti e i politici si sveglino (pronto, ci siete? O fa troppo caldo?).

In Turchia il 15 maggio sono scese in piazza migliaia di persone per la libertà del Web. La Turchia occupa l’ultima posizione in Europa occidentale nella classifica sulle libertà d’espressione di Freedom House. Noi, la penultima.

Insomma serve una mobilitazione come contro la legge bavaglio. Anche se siamo quasi a luglio. Non è meglio, questa cosa qui, mi pare. 

 (fonte: Piovonorane)

Voci precedenti più vecchie